"Mentre il ministro Franceschini sostiene di aver attivato un processo partecipativo sull'hub ferroviario di Pompei, il Movimento Cinque Stelle è stata l'unica forza ad ascoltare davvero la cittadinanza. Se gli Enti Locali sono stati incapaci di progettazione, il governo non ha fornito esperti capaci di supportare il lavoro locale ed ora cala una soluzione dall’alto, senza tener conto dell'indotto turistico dei Comuni limitrofi a Pompei". Così il deputato del Movimento Cinque Stelle, Luigi Gallo (nella foto), risponde alle parole usate oggi dal ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, nel corso di un'audizione davanti alle commissioni Cultura di Camera e Senato.

"Un processo di democrazia dal basso e di partecipazione - aggiunge - che portiamo avanti da tempo e che confluirà nell'iniziativa #BuonGoverno con la #DemocraziaDiretta che si terrà proprio a Pompei il 21 febbraio. Ci saranno tecnici che analizzeranno il progetto dell'Alta Velocità e con la senatrice Michela Montevecchi ed i consiglieri regionali del M5S ci confronteremo sullo sviluppo turistico, sostenibile e responsabile, di Pompei e della Buffer Zone".

M5S: 'La nostra idea per l'area Unesco'

La discussione al PompeiLab

Meet up degli amici di Beppe Grillo: hub ferroviario e altre proposte

Summit al Comune

Incontro a Palazzo De Fusco

Delrio: 'Continueremo discussione con enti locali'

Summit degli imprenditori

Adami: 'Persa occasione politica'

Audizione in Regione

Marciano: 'Consiglio monotematico'

D'Alessio: 'Avrei favorito il progetto'

Il 'no' di Uliano

Il vero problema di Pompei

Pica: 'Sostengo la tesi del sindaco'

Beatrice: 'Progetto non entusiasmante'