Tracciare una nuova linea Eav nel tratto da Pompei a Poggiomarino: è questa la proposta che il Gruppo MoVimento 5 Stelle “Nova Pompei” ha avanzato nei giorni scorsi alla struttura del Grande Progetto Pompei.

Una risposta a distanza al piano di “Compatibilizzazione urbana della ferrovia Circumvesuviana nel Comune di Pompei” che comprende i sottopassi, così tanto osteggiati e demonizzati da alcuni comitati civici.

Dopo il no alla stazione progettata dall’architetto americano Peter Eisenman, le infinite polemiche sulla realizzazione o meno di un hub ferroviario a servizio dell’area archeologica, i pentastellati ora propongono di disegnare e far realizzare una nuova tratta ferroviaria per collegare la città del Santuario a Poggiomarino.

Come si legge in una nota diffusa dagli esponenti locali del Movimento Cinque Stelle, l’idea progettuale è stata illustrata lo scoro 9 aprile nel corso di un incontro con la struttura del Grande Progetto Pompei composta dal Gen. Cipolletta, dal Gen. Di Blasio, che presto gli subentrerà nella direzione del GPP, dallarch. Onesti del Parco Archeologico e dallarch. Sansone.

“Il piano alternativo proposto prevede lo spostamento dellattuale strada ferrata della linea Napoli-Poggiomarino, che oggi lambisce le antiche mura pompeiane, in favore di un percorso che permetterebbe di sfruttare uno spazio demaniale e quindi senza lesecuzione di espropri, servendo meglio, tra laltro, una parte periferica della città oggi mal collegata” – si legge testualmente nella nota.

Solo un’idea al momento, ma come ci tengono a sottolineare i pentastellati “Nel contempo, la portavoce del M5S alla Camere dei Deputati, Teresa Manzo, è stata invitata ad un incontro con il neo direttore generale dei musei del Mibact, Osanna, per avere maggiori informazioni su questo progetto alternativo”.

vai alle foto