Meeting tra varie istituzioni, per fare il punto sui lavori della rete fognaria e i collettori del fiume Sarno. Si è trattata di una riunione informale con sopralluoghi e una riunione interlocutoria che ha visto protagonisti il sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio, il consigliere comunale Peppe La Marca, l’assessore Raffaella Di Martino, l’onorevole Mario Casillo, l’ingegnere della Gori, Andrea Palomba e l’ingegnere Mario Gaeta, ex Arcadis e attuale funzionario della Regione.

L’attenzione è stata posta soprattutto sulle zone di via Vecchie Fontanelle, via Molinelle e l’area nel comune di Scafati dove il canale San Tommaso si immette nel Marna.

Nello specifico, saranno previste iniziative propedeutiche alla realizzazione della rete fognaria in via vecchia Fontanella, che dovrebbero iniziare nel giro di non più di 4 mesi. Stessa problematica legata agli allagamenti, anche in via Molinelle. 

A Scafati invece, fari puntati su Rio San Tommaso ,  “responsabile” di una fetta significativa dell’inquinamento del Fiume Sarno. Di concerto con i tecnici Gori ed ex Arcardis è stato stabilito di “collettare” l’intero corso del Rio nell’impianto di sollevamento e nel depuratore di Scafati, evitando così che questo vada a convogliare nel Marna producendo le insostenibili esalazioni.