“Per Pompei avviamo fatto stanziare risorse per far ripartire le attività del Parco Archeologico. Se oggi gli scavi sono ripartiti è grazie a questo e all’aiuto della regione. Quindi se fossi campano voterei per De Luca. E con Di Casola sono sicuro di riuscire a ottenere un buon risultato”.

E’ lo scontato “endorsement” del senatore di Italia Viva ed ex presidente del consiglio Matteo Renzi, oggi venuto in visita a Pompei a sostegno del candidato sindaco Domenico Di Casola. L’avvocato, tra le liste a suo sostegno presenta infatti la declinazione locale del partito di Renzi, Pompei Viva, ritenuto uno degli esperimenti su scala nazionale, in quanto slegato dalle correnti di centrosinistra.

Renzi è andato anche oltre il plauso a De Luca, lodando il suo modus operandi prima a Salerno, poi in Regione, infine nella gestione dell’emergenza coronavirus, lanciando un appello per Italia Viva: “Rappresenta la vera novità di queste elezioni. Si tratta di un partito appena nato, ma che è riuscito a mandare a casa Matteo Salvini. Noi oggi siamo in grado di dire che chi non vuole allearsi con i grillini e vuole mandare a casa Salvini ha una sola possibilità, quella di votare per noi”.

Il suo tour è partito da Pompei, ma ha toccato anche altre città come Ercolano, Pomigliano d’Arco e Giugliano in Campania. Nella città mariana, ecco il sostegno per l’avvocato Di Casola: “Con lui siamo sicuri di ottenere un buon risultato”, ha detto il senatore.

“La presenza di Renzi qui è importante – ha spiegato l’avvocato Di Casola -. Da capo del governo ha impostato sua azione sulle politiche culturali dando centralità al sito archeologico di Pompei. E credo che bisogna partire proprio dagli scavi per rifondare la nuova Pompei e far diventare questa città capitale della cultura”.

vai al video