Forzava serrature di auto a Pompei per entrare all’interno e rubare i bagagli. Era questo il piano ardito in un capo rom di Qualiano, S.S., di 44 anni, fotografato di nascosto da due turiste francesi mentre era “all’opera”.

Grazie alle foto, prontamente consegnate ai carabinieri di Pompei guidati dal maresciallo Tommaso Canino, il ladro è stato incastrato. L'uomo era ricercato da un anno ed era l'incubo dei turisti che visitano Pompei.

I militari della compagnia di Torre Annunziata, al comando del capitano Andrea Rapone, hanno perquisito il campo rom di Qualiano nel quale sono stati effettuati altri arresti in passato, sempre di ladri che svaligiano le auto dei turisti a Pompei.

Sono state trovate valigie, oggetti e borse rubate. Ma il ladro non era nel campo, poiché risultava già in carcere, arrestato per analoghi reati a Napoli. Con l'accusa di rapina impropria, l'ordine di arresto gli è stato notificato in cella. Le ragazze francesi, di soli 16 anni, avevano fotografato l'uomo in via Carlo Alberto - nei pressi del Santuario della Beata Vergine di Pompei -. Il malvivente stava armeggiando alla serratura dell'automobile di turisti inglesi, rimasti vittima del furto dei bagagli.