Senza stipendio da agosto, i dipendenti degli scavi di Pompei in protesta.

E’ quanto sta accadendo ai lavoratori di Opera Laboratori fiorentini, addetti ai servizi del Parco Archeologico di Pompei. Con una lettera inviata all’Inps, il sindacato Cobas Lavoro Privato ha chiesto l’immediata erogazione degli stipendi dei dipendenti.

“Il mancato pagamento – si legge nella lettera - sta arrecando enormi difficoltà ai lavoratori. Spesso si tratta di famiglie monoreddito e che quindi sono costretti a non rifornirsi neppure di generi alimentari essenziali”. Undici dipendenti che cercano una boccata d’ossigeno per poter trascorrere il Natale in modo decoroso.

I lavoratori sono tuttora in attesa dell'assegno ordinario FIS attivato dal datore in conseguenza dell'emergenza da Covid-19.