Ventitré anni da poco compiuti. Un futuro tutto da scoprire. E invece giovedì la città di Pompei darà l’ultimo saluto a Giuseppe Iezza, il ragazzo che domenica sera ha perso la vita in un incidente stradale sulla Statale Sorrentina.

Alle 9.30 il rito funebre alla chiesa di Messigno, il quartiere dove risiedeva, al confine tra Castellammare e Pompei. Oggi pomeriggio presso l’obitorio dell’ospedale San Leonardo di Castellammare si è svolta l’autopsia, per stabilire con certezza la causa della morte.

Nel frattempo la Polizia di Sorrento, responsabile delle indagini, continua le indagini. Una o più persone risulterebbero iscritte nel registro degli indagati. Al vaglio anche la posizione dell’automobilista contro cui Iezza si è schiantato con il suo scooter, che aveva comprato solo qualche settimana prima della tragedia.

Sin dall’inizio le condizioni del ragazzo erano apparse critiche. Disperato il tentativo di salvarlo. Stavano effettuando i primi esami quando il cuore di Giuseppe ha smesso di battere. Troppo gravi le ferite riportate a causa dell’impatto, avvenuto attorno alla mezzanotte, nei pressi dello stabilimento balneare “Bikini”. Nell’incidente è rimasta ferita anche la ragazza che era in sella con Giuseppe. Portata a Castellammare, è stata poi trasferita all’ospedale del Mare. Tante contusioni, un femore sbriciolato e lo choc. Un trauma che difficilmente potrà dimenticare.

il giorno del dolore

la ricostruzione

l'incidente