“Abbiamo ufficialmente firmato le nostre dimissioni e la sfiducia al sindaco Amitrano”. Con poche parole il consigliere comunale Alfonso Conforti ha sancito la fine della legislatura Amitrano a Pompei.

Nella città mariana si tornerà quindi a votare dopo poco più di due anni. A mandare a casa Pietro Amitrano sono i consiglieri della sua maggioranza. Undici le firme che hanno messo fine all'esperienza di governo del medico prestato alla politica. La sfiducia con le dimissioni in simultanea davanti al notaio della maggioranza dei consiglieri comunali. Una mossa studiata per ottenere un commissariamento lampo.

L'inviato del prefetto di Napoli preparerà semplicemente il ritorno alle urne con le regionali di primavera. Tra i “traditori” anche gli uomini del Pd e il segretario Carmine Lo Sapio. A firmare l'atto di addio anche il figlio eletto in consiglio comunale. Ma non è il solo. Quattro gli eletti nel partito di Zingaretti, che hanno fatto la stessa scelta, unendo le loro firme a quelle dell'opposizione. E ora toccherà al prefetto di Napoli inviare il commissario che guiderà Pompei fino al prossimo appuntamento con le urne in primavera.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"