In Regione Campania un’interrogazione sul progetto Eav. Sarà il Consigliere Fulvio Frezza a portare alla luce al prossimo consiglio, tutte le criticità del progetto in questione e di come queste influiranno negativamente sulla città di Pompei.

II progetto di interramento della circumvesuviana di Pompei risulta già approvato con decreto del Ministero dei Trasporti e prevede la realizzazione di 4 sottopassi a distanza di poche centinaia di metri, una piazza ed un parcheggio multipiano.

Nella città mariana, sono stati diversi i comitati che si sono sempre opposti alla colata di cemento e alla costituzione di sottopassi previsti per il territorio. Inoltre, come si legge nell’interrogazione regionale ‘tale progetto appare incoerente con la pianificazione e programmazione territoriale/urbanistica generale vigente e adottata a livello comunale né quella prevista per il Grande Progetto Pompei’.

La richiesta del Consigliere Frezza, che si fa portavoce di quella fetta di popolazione contraria ai sottopassi e al progetto quasi in toto, è semplice: ‘promuovere I' istituzione di un comitato tecnico scientifico, all'interno del quale siano cooptati esperti in materia e docenti universitari di urbanistica, al fine di verificare se la realizzazione dei sottopassi EAV sia la soluzione tecnica più  idonea per la citta di Pompei, prezioso sito inserito nel patrimonio dell' Unesco, tenendo in debito conto che non esiste un progetto complessivo sulla tratta circumvesuviana Pompei-Poggiomarino, lungo il cui percorso vi sono ben 11 passaggi a livello, per cui la soluzione sottopassi appare ancor più difficile da realizzare’.