“Vieni qui in consiglio a fare il Pierino, a disturbare sempre la classe”. E’ bagarre in consiglio comunale dopo una frase rivolta dal sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio all’indirizzo di Salvatore Caccuri, “reo” di aver preso parola per dare sostegno alle dichiarazioni del leader di opposizione Domenico Di Casola.

Un ultimo consiglio comunale in cui non sono mancati i momenti di tensione. “Abbiamo assistito per l'ennesima volta ad una caduta di stile del gruppo di maggioranza che governa questa città – ha spiegato il consigliere Caccuri in un post su facebook in cui ha pubblicato degli spezzoni dell’ultima assise -. Durante l'adunanza, il primo cittadino, invece di rispondere con chiarezza alle legittime interrogazioni poste dalla minoranza, tergiversava e si dilettava in lunghi sproloqui pseudopolitici, con toni e linguaggi sicuramente indegni ed inappropriati alla carica che ricopre”.

Secondo Caccuri la sua giovane età è divenuta “bersaglio del sindaco e del presidente del consiglio Peppe La Marca, ma l’unica mia colpa è stata intervenire in favore del consigliere Di Casola ripetutamente offeso. Si sono rivolti alla mia persona con termini come ‘coso’, ‘Pierino’, rendendo palese l’avversione del sindaco nei confronti dei giovani che si interessano seriamente alla politica. Io però non mi lascio intimorire – ha concluso Caccuri -. Il mio impegno si rafforza ancor di più contro questo modo provinciale di fare politica, nella speranza di poter realizzare insieme il sogno di una città dal profilo internazionale, rivolta alle politiche sociali, culturali e, soprattutto, quelle rivolte ai giovani”.