Portici - Lavori pagati ma non ancora eseguiti: è quello che è emerso nelle ultime settimane a Portici, relativamente agli interventi di riqualificazione della fascia di costa, il cosiddetto “waterfront”. La vicenda, assurda, e che potrebbe avere ripercussioni di carattere giudiziario (sia la Procura che l’Anac sono state informate), è venuta a galla dopo le denunce pubbliche dell’opposizione, in occasione dell’ultimo consiglio comunale.

L’INIZIO - Tutto inizia il 30 dicembre 2015 quando la Direzione dei lavori dell’appalto, eseguito dall’ATI Consorzio Cooperative Costruzioni CCC e Società Cooperative Lande S.p.A., presenta al Comune di Portici il 1° SAL (Stato Avanzamento Lavori): un documento in cui vengono relazionati gli interventi e i lavori eseguiti e i relativi costi: circa 400mila euro. Somma che il Comune di Portici, committente dei lavori, bonifica alla ditta in men che non si dica. Tutto normale se non fosse che nel SAL presentato al Comune poche ore prima del cenone di Capodanno, sono stati inseriti alcuni interventi che non sono stati (almeno fino a quel momento) realizzati.

IL SOPRALLUOGO - Una denuncia, quella dei consiglieri PD, che trova conferma anche nel sopralluogo sul cantiere (avvenuto il 1 febbraio) e successiva relazione che il Capo dell’Ufficio Tecnico, l’architetto Gaetano Improta, consegna nelle mani del Sindaco Marrone e dell’assessore ai Lavori Pubblici in data 3 febbraio 2016. “Da una prima verifica sul cantiere non risultano realizzate categorie di opere elencate nel SAL, ovvero: interventi riguardanti le pavimentazioni stradali e pedonali, comprese le sottofondazioni, segnaletica orizzontale, impianti di irrigazione e meccanici, tappeto erboso e opere connesse. Infine – continua il Dirigente – le essenze arboree nel SAL risultano contabilizzate come fornite e poste in opera, mentre dal sopralluogo effettuato risultato depositate e accantonate”. Conclude il Dirigente affermando “Nel SAL la contabilità lavori risulta formulata con la modalità “a misura”, mentre stante la tipologia d’appalto, come sancito nel contratto, la contabilità doveva essere effettuata “a corpo”.

RELAZIONE SCRITTA ALLE 23:30 DEL 29 DICEMBRE - “Si è trattato di un mero errore di riformulazione degli atti contabili e, considerato che il SAL è stato redatto alle 23:30 del 29 dicembre, si è dato per corretto il dato scaturito dal programma informatico”. E’ questo il passaggio più singolare delle controdeduzioni che il Direttore dei Lavori Arch. Nicola Massimo e il R.U.P. Geom. Antonio Troiano mettono nero su bianco per giustificare l’errore nel 1° SAL presentato al Comune di Portici prima di Capodanno. Una relazione protocollata in data 15 febbraio, in cui i tecnici dichiarano: “Una volta individuati gli errori, è stata inviata a mezzo pec una rettifica dell’errata contabilizzazione del 1° SAL, con un importo rideterminato in € 278.812,62. Si precisa che ad oggi una parte delle lavorazioni erroneamente inserite nel 1° SAL sono state già eseguite, pertanto l’importo delle lavorazioni al 1 febbraio 2016, risulta essere pari a 309.986,33. I tecnici concludono affermando che “detto errore contabile sarà riportato nel registro della contabilità e successivamente regolarizzato con il 2° SAL”. Nessun riferimento però, sui circa 120 mila euro che il Comune ha pagato in anticipo, ne dalla Direzione dei Lavori, nel dal R.U.P., ne dalla ditta che sta eseguendo i lavori.

ESPOSTO ALL’AUTORITA’ ANTICORRUZIONE – La questione è stata oggetto di una segnalazione all'Anac da parte del senatore Vincenzo Cuomo. Il parlamentare, ex sindaco della cittadina porticese, ha inviato una serie di segnalazioni all'Autorità Anticorruzione, chiedendone l'intervento.

 

L'interdittiva antimafia

cancelli

L'interrogazione dei Senatori

M5S: 'Battaglia tra PD e Marrone'

Il sopralluogo di Marrone

La rabbia dei 5 Stelle

La protesta dei Verdi

cittadini forzano cancelli

Stop al waterfront

Stop ai lavori di piazza del tribunale

Regione chiede il conto

Lo stop

Alternativa di governi alla città

La replica di Marrone

Sequestrata area demaniale

Fiamme gialle al comune di portici

Continuano i lavori

Firmato l'accordo per proseguire i lavori

l'incontro

Il Consiglio di Stato dà ragione a Marrone

Cortese: 'Emblema del fallimento'

Marrone attacca il PD

Puglia sprona Marrone

De Luca: 'Il progetto è fallito'

Guerra tra Marrone ed il PD

La riapertura della spiaggia

Marrone: “Il waterfront si farà”

Cortese punta il dito contro Marrone