“Un mese e mezzo fa abbiamo assistito ad una presentazione in pompa magna nella quale si annunciò l’inizio dell’opera che avrebbe cambiato la città. Da pochi giorni la Polizia Municipale ha sequestrato il cantiere perché mancavano le autorizzazioni”. Amedeo Cortese, segretario cittadino del PD di Portici, punta il dito contro l’amministrazione guidata dal sindaco Nicola Marrone.

Finanziata con i fondi europei, grazie al decreto dell’accelerazione della spesa della giunta Caldoro, l’opera di rifacimento del waterfront rischia di diventare un’altra cattedrale incompiuta. I fondi, infatti, dovrebbero essere spesi entro il 31 dicembre 2015. “Il paradosso è che, quest’anno, i cittadini non possono arrivare al mare e i lavori non possono continuare perché il cantiere è sequestrato. Non si conoscono neppure i tempi per la ripresa dell’opera. Insomma – sbotta il segretario Dem – oltre al danno la beffa”.

Ma il problema del rifacimento del litorale porticese non è solo questione di lavori e carte bollate. “Sul tema si è aperta una battaglia politica interna alla maggioranza – continua Cortese – Per beghe di partito si sta paralizzando la vita amministrativa della città. A questo bisogna aggiungere che le ultime elezioni regionali hanno alzato un velo sull’anomalia della maggioranza”.

ELEZIONI REGIONALI. Se De Luca ha vinto lo scontro diretto con Caldoro, il PD ha perso per pochi voti il primato in città scavalcato dal Movimento 5 Stelle. I dati più significativi, però, ci vengono dalle preferenze dove si è potuto assistere alla sfida cittadina tutta interna alla maggioranza che sostiene Marrone. Da un lato, candidato con il centrodestra nella lista Noi Sud, il presidente del consiglio Farroni mentre, con Sinistra al Lavoro, il consigliere Iacomino.

“Chi guida la macchina comunale è sfaldato in mille pezzi. È assurdo che i maggiori rappresentanti del centrodestra e della sinistra siedono insieme e, cosa ancora più grave, nessuno dei due ha vinto. In termini di preferenze, infatti, hanno prevalso due candidati del PD, nonostante loro Farroni e Iacomino fossero sostenuti da quasi tutta la maggioranza. È palese – conclude Cortese – la bocciatura dei cittadini all’azione amministrativa”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"