I salesiani di Portici hanno compiuto 50 anni. Si è conclusa nella Chiesa dei Sacri Cuori di Gesù e Maria di Portici alla presenza di un gran numero di fedeli e del Cardinale Sepe la settimana delle celebrazioni per ricordare e festeggiare il cinquantennale dalla fondazione della Casa Salesiana di Portici.

Ascoltati i sacerdoti che hanno vissuto nella comunità dal 12 febbraio 1970. Il primo fu Don Giuseppe Resta (Parroco dal 1975 al 1978), sostituito da Don Tonino Palmese, Don Savino Di Muro (parroco dal 1979 al 1981), Don Carmine Del Vecchio (Parroco dal 2000 al 2002), Don Giovanni Garzia, (parroco dal 1982 al 1990 e dal 2003 al 2006), Don Antonio Lobefalo (Parroco dal 2007 al 2009).

La Casa Salesiana, profondamente apprezzata sul territorio, in 50 anni di attività ha sviluppato un forte senso comunitario condiviso e, soprattutto, ha educato a diventare buoni cristiani e onesti cittadini migliorando la qualità della vita dei giovani, mettendo a disposizione nello spirito salesiano di Don Bosco tutto ciò che aveva. Luoghi di incontri, oratorio, strutture sportive evitando specie ai giovani di farsi carpire dalle facili lusinghe della malavita.

Eppure tutto questo che rappresentava una realtà decisiva nella formazione dei giovani dell’area porticese improvvisamente nel settembre 2018 è sembrato svanire sotto la irrevocabile decisone delle autorità ecclesiastiche di chiudere l’Opera salesiana di Portici, trasformandola da Chiesa Salesiana in Chiesa Diocesana.

“Ma per fortuna - fa sapere Don Riccardo, il Parroco della Chiesa - tutto ciò non ha significato la scomparsa del carisma di San Giovanni Bosco da questo luogo e 115 anni di presenza salesiana non possono essere dimenticati. Esso viene mantenuto in vita attraverso la parte viva e attiva di questa Parrocchia, ma anche attraverso gli ex allievi, i salesiani cooperatori, l’Associazione di Maria Ausiliatrice e i tanti fedeli che la frequentano”.

Grazie anche all’interessamento del Cardinale presso il Pio Monte della Misericordia che gestisce i beni sono rimaste a disposizione della Parrocchia tutte le strutture che erano collegate alla casa Salesiana necessarie a mantenere il centro spirituale, pastorale e sociale.

Anche il Papa, fa sapere il Cardinale Sepe, ha rivolto la sua attenzione a questo anniversario inviando la sua solenne benedizione e emanando un decreto per questo Giubileo che concede la possibilità di avere l’indulgenza plenaria in determinati giorni e a determinate condizioni.

La comunità ha fatto poi omaggio al Cardinale Sepe di una icona rappresentante le immagini di Gesù e Maria.