Quasi a sorpresa, la visita del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico alla sede di LIBERA Portici in Via Diaz, il bene confiscato alla Camorra. Mantenuta la promessa di una visita all’associazione.

Fico ha ricevuto il benvenuto del Presidente dell’Associazione Leandro Limoccia e di tutta la comunità, fatta di volontari, cittadini, professionisti e simpatizzanti cui è seguito un incontro informale in uno spazio che può definirsi luogo di memoria e di divulgazione culturale, attivo contro le mafie e nel contrasto alla povertà, impegnato contro la criminalità e per l’affermazione della cultura della legalità.

Onori di casa anche dal Senatore Sergio Puglia del consigliere comunale di Portici Alessandro Caramiello, entrambi del Movimento 5 Stelle e molti rappresentanti delle tante realtà del mondo della cultura.

Il Presidente Limoccia ha tracciato una breve storia del presidio Porticese che data 2013 e sono stati mostrati i tanti simboli esposti sulle pareti della sede che indicano le molteplici attività svolte dal sodalizio accanto alle foto di Teresa Buonocore e Claudio Taglialatela, vittime innocenti dalla violenza criminale a cui è intitolata la sede porticese, divenuta ormai uno dei presidi più attivi sul piano nazionale.

Qui si gioca la sfida dell’inclusione, dell’accoglienza e dell’aiuto sociale e spesso economico per le persone  in difficoltà e per coloro che rischiano di cadere nella rete dell’usura, attraverso appositi sportelli, quello  dei Giocatori Anonimi, il Banco Farmaceutico e Alimentare, la Farmacia Sociale, il Centro Giustizia Minorile, Finetica, con i Medici Volontari del Laboratorio Medico Polispecialistico gratuito, il mondo dell'insegnamento e dell'avvocatura, lo sportello della legalità, l’Unipan e il microcredito per le famiglie in difficoltà economica.

Il Presidente Fico ha preso atto delle molteplici attività che svolge il presidio sul territorio porticese, dei risultati ottenuti, dell’impegno profuso, delle esperienze e le difficoltà che in questi anni ha affrontato il sodalizio. La visita si è conclusa con un brindisi dopo lo scambio di targhe ricordo tra i due Presidenti. 

“Amiamo profondamente questa nostra terra nella quale ci sono grandissime difficoltà e nella quale solo con la repressione non ce la faremo mai – ha dichiarato il Presidente Fico -. Sono proprio realtà come queste che servono a rompere quella catena che tiene legata la storia che a volte sembra ineluttabile. Per questo lo Stato deve intervenire con investimenti nella formazione, sulle scuole, asili, campi sportivi e rigenerazione urbana per ricreare comunità laddove c’è comunità disgregata. Voi siete un pezzo di quella comunità importante che può riaggregare e a Libera cui va tutto l’appoggio”.

“Per noi – ribadisce il Presidente Leandro Limoccia -  la presenza del Presidente della Camera non è soltanto un riconoscimento ma uno stimolo a fare di più e a continuare a lavorare per le persone colpite dalla violenza criminale, per la dignità di tutti e per la qualità delle relazioni umane e l’economia civile e sociale che crea opportunità”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"