Il personale della Guardia Costiera di Torre del Greco e del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Portici, nell’ambito delle consuete ed istituzionali attività di vigilanza e controllo a tutela dell’ecosistema marino e delle filiere ittiche, sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Campania, ha intercettato, sull’arenile in prossimità del “Lido Arturo”, nel tratto di giurisdizione del Comune di Portici, un’attività di sbarco illegale di tre esemplari di tonno rosso.

Gli esemplari, privi di qualsivoglia documento di tracciabilità, sono risultati il frutto di una battuta illecita di pesca non professionale, atteso che, da diversi mesi, ormai, le competenti Istituzioni Centrali hanno stabilito la chiusura definitiva della pesca sportiva di tonno rosso, per esaurimento del relativo contingente di cattura, per la corrente annualità 2022.

I militari sono prontamente intervenuti, ponendo immediatamente sotto sequestro tutto il prodotto ittico, per un peso complessivo di oltre 1 quintale ed infliggendo al trasgressore una sanzione amministrativa di oltre duemila euro. È utile ricordare che il tonno rosso è specie soggetta ad un particolare regime internazionale di tutela e conservazione, le cui norme interessano tanto i pescatori professionali, quanto quelli sportivi. Inoltre, nel caso della pesca sportiva, nessuna cattura, comprese quelle di tonno rosso, possono formare oggetto di operazioni di commercializzazione.

A seguito dell’intervento del competente Servizio Veterinario dell’A.S.L. NA-3-SUD, gli esemplari sequestrati sono stati giudicati non edibili e, quindi, devoluti alla Fondazione Dohrn (Turtle Point di Portici), per le finalità scientifiche.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"