In due prelevavano acqua di mare illegalmente e la trasportavano su un furgone già sotto sequestro. Multa da 2mila euro a testa e denunciato il proprietario del furgone, scoperta dalla guardia costiera di Torre del Greco.

E’ il risultato dei controlli della Capitaneria per la tutela dell’ecosistema marino e delle filiere ittiche. Al porto di Torre del Greco gli uomini in divisa hanno notato due persone che, muniti di elettropompe, erano intenti a prelevare acqua di mare per il riempimento di fusti. Sequestrata tutta l’attrezzatura. La stessa acqua è stata poi rimessa nel bacino portuale. E’ stato inoltre scoperto che il furgone era già sotto sequestro.

CLICCA QUI PER ENTRARE NELLA PHOTOGALLERY

L’acqua di mare prelevata dal porto era impiegata, in maniera non conforme alle vigenti norme di settore, nella filiera della rivendita al dettaglio di prodotti ittici.

Al riguardo, la Guardia Costiera, soprattutto in questo periodo di festività, ricorda a tutti i consumatori che “è assolutamente vietata l’irrorazione con qualsiasi tipo di acqua (e a maggior ragione con quella prelevata da un porto) dei molluschi bivalvi, che, vengono immessi sul mercato, ai fini del consumo umano, soltanto dopo aver subito un apposito trattamento presso un centro autorizzato di depurazione e/o previa stabulazione. È ugualmente vietato l’utilizzo di acqua di mare per decongelare il prodotto ittico e addirittura rimetterlo in vendita come se fosse prodotto fresco”.

Nel solo mese di dicembre questi controlli hanno portato alla contestazione di 18 illeciti per mancata tracciabilità ed etichettatura del prodotto ittico, per un importo totale di 30mila euro e oltre 300 Kg di prodotto ittico sequestrato perché di dubbia provenienza.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto