Colti in flagranza di reato mentre prelevavano contanti da uno sportello bancario automatico con un cellulare, utilizzando il sistema “cardless”.

I carabinieri di Torre del Greco hanno arrestato due giovani di Napoli e deferito in stato di libertà un cittadino di Torre del Greco, tutti per il reato di frode informatica.

Un’altra operazione ha riguardato un 26enne incensurato del posto, denunciato perché sorpreso mentre prelevava denaro contante con lo stesso sistema cardless da un ATM della città. Bloccato dopo un breve tentativo di fuga, il 26enne è stato trovato in possesso di 2 cellulari – utilizzati per violare gli account di home-banking – e di una somma contante di 1500 euro, provento verosimilmente legato all’attività illecita.

A Cercola, i carabinieri hanno arrestato un 28enne e un 29enne del quartiere napoletano di Barra, entrambi già noti alle forze dell’ordine. Stavano prelevando contanti da un ATM della cittadina con un cellulare, utilizzando il sistema “cardless”. Utilizzando 3 telefoni cellulari e i codici di svariati account di ignari correntisti, i due erano già riusciti a prelevare 690 euro. Sequestrati i 3 smartphones e il denaro contante, i due sono stati ora sottoposti ad obbligo di dimora.

I tre dovranno rispondere di frode informatica, aggravata dal furto dell’identità digitale di vittime sparse in ogni angolo d’Italia.