Anche in questi ultimi mesi del 2019 continuano a crescere da parte delle famiglie italiane le richieste di prestito. Solo nel mese di novembre, infatti, si è osservato un notevole incremento della domanda, nettamente in rialzo rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Dati che, peraltro, non stupiscono certamente, dato che attualmente ben 4 italiani su 10 si ritrovano con una rata da pagare ogni mese.

I prestiti, vengono richiesti attualmente per le più svariate motivazioni: dal volersi “viziare” con l’acquisto una smart TV a schermo piatto e cristalli liquidi, al voler comprare una casa per non dover più pagare un affitto a fondo perduto. Qualsiasi sia il motivo che spinge gli italiani a richiederli, è ormai un dato di fatto che sempre più persone ne fanno richiesta, e la domanda è in continuo aumento.

Aumentano le richieste di prestito a novembre

Il Sistema di Informazioni Creditizie nel mese di novembre ha registrato infatti un aumento arrivato a toccare il +5,4% nelle richieste di prestito da parte delle famiglie. In particolare, da un lato i prestiti finalizzati hanno visto un incremento del +7,4%, mentre dall’altro troviamo i prestiti personali con un innalzamento del +2,8%. Differente invece la situazione se si vanno a osservare gli importi.

Per quanto riguarda i prestiti finalizzati, infatti, l’importo medio equivale a 6.248€, mentre per quanto concerne i prestiti personali questo arriva a essere più del doppio rispetto ai precedenti, arrivando a 12.932€. A favorire la crescita della domanda da parte dei cittadini italiani è spesso anche la semplicità che risiede nel richiederli, dato che si tratta di prestiti che ormai possono essere richiesti anche online su piattaforme come Younited Credit, comodamente da casa e con minori spese, non essendo prevista la presenza di un intermediario.

Questa crescita, quindi, non fa che confermare un trend in continuo aumento che perdura da oltre due anni. Buone notizie dato che si tratta di un segnale importante per la nostra economia, dato che dimostra come la fiducia dei consumatori non sia mai venuta meno nonostante gli ultimi mesi siano stati contraddistinti da numerosi momenti di incertezza, dalla crisi di governo alla paura per l’aumento dell’iva. Fortunatamente, quindi, le condizioni si sono comunque dimostrate favorevoli per le famiglie italiane.

Un italiano su 4 con un prestito da pagare

Attualmente la richiesta di prestiti è cresciuta talmente tanto che ben 1 cittadino su 4 si ritrova con una rata da pagare mensilmente, con importi e numero di richieste che variano di regione in regione.

In media, il comune italiano che si ritrova a pagare la quota più alta è quello di Bolzano, in Trentino-Alto Adige, con 430€, seguito da Sondrio, Treviso, Milano e Lecco, in cui la soglia supera comunque i 400€ mensili. Mentre nel Sud della Sardegna, Reggio Calabria, Enna, Oristano e Vibo Valentia non si superano i 300€ mensili, e rappresentano attualmente le città con le rate più basse.

Per quanto riguarda i rapporti di debito attualmente attivi invece a farla da padrone è la Toscana, in cui si registra che il 44,2% della popolazione regionale continua a pagare delle rate mensili. Ai toscani seguono sardi, friulani, laziali e valdostani. Alla fine della graduatoria troviamo invece il Trentino-Alto Adige: in questa regione infatti solamente un quinto degli abitanti si ritrova a dover pagare le rate di un prestito.

Il settore dei prestiti continua dunque il suo trend positivo che dura da diverso tempo, ed essendo un segnale positivo di sempre maggior fiducia da parte degli italiani nella crescita del paese, si spera possa continuare ancora per lungo tempo.