"Mi ha infastidito molto oggi la richiesta di assoluzione degli avvocati della difesa, come se mio marito si fosse ucciso da solo, ritengo sia una richiesta inaccettabile". Lo ha detto Tania Sorrentino, moglie di Maurizio Cerrato, il custode del Parco Archeologico di Pompei ucciso con una coltellata al petto a Torre Annunziata il 19 aprile del 2021, solo per un parcheggio. "Riteniamo che i 23 anni di carcere inflitti agli assassini di mio marito - ha detto ancora Tania Sorrentino - sìano pochi, anche il pm ha chiesto l'ergastolo: noi, dal primo giorno, chiediamo solo giustizia. E che a queste persone venga data giusta pena affinché non possano fare del male anche ad altri".

CLICCA QUI PER IL VIDEO

"Ancora faccio fatica a capire - spiega la signora Cerrato - come si possa giustificare chi toglie la vita per un pneumatico forato, per avere parcheggiato l'auto laddove ritengono con prepotenza che debbano essere parcheggiate solo le loro auto". Con Tania Sorrentino, oggi in aula, c'era anche la figlia Maria Adriana, testimone dell'omicidio del padre: "Quanto è accaduto mi ha reso più forte, ma ora provo meno emozioni. Per fortuna il ricordo di mio padre mi aiuta a non abbattermi. Ritornare al processo è però molto complicato per me. Confido nella giustizia e ritengo l'ergastolo una pena giusta. Nonostante quello che mi è accaduto continuerò con il mio percorso di vita e non consentirò a nessuno di togliermi anche questo".

Tornando al giorno dell'omicidio, Maria Adriana, che adesso ha 23 anni, dice di avere visto gli imputati braccare il padre, che subito dopo trova la morte con un fendente al petto e, rispetto alla volontarietà, o meno, di uccidere, manifestata da alcuni imputati, Maria Adriana è determinata: "Non conta quello che ho visto io, ma quello che è emerso dall'autopsia: la violenza della pugnalata era stata inequivocabilmente impressa per uccidere, il medico legale lo ha appurato".

Per il legale della famiglia Cerrato, l'avvocato Giovanni Verdoliva, è naturale che "la famiglia, rispetto a ciò che accaduto e subìto, ritenga che l'unica pena possibile sia l'ergastolo: Maurizio Cerrato è stato brutalmente assassinato per avere difeso se stesso e la figlia da un'aggressione. E' stato punito per avere avuto la meglio su Giorgio Scaramella il quale poi chiama con una videotelefonata il fratello Domenico Scaramella che si presenta sul luogo dove poi troverà la morte insieme con Antonio e Francesco Cirillo. Lì si consuma l'omicidio, in pochissimi secondi. E la spedizione punitiva aveva come unico obiettivo compiere un omicidio. Noi riteniamo - ha concluso l'avvocato Verdoliva - che Giorgio Scaramella sia il mandante di un omicidio e gli altri tre imputati gli esecutori materiali".

Sondaggio


Risultati



Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video

IL PROCESSO