“Avere un pronto soccorso vicino a casa, spesso vuol dire avere salva la vita”. Sul grido delle “Mamme Vulcaniche” si è svolta la protesta dei cittadini dell’area vesuviana per la riapertura del pronto soccorso dell’ospedale di Boscotrecase.

Il corteo è partito da Piazza Ernesto Cesaro e si è diretto verso l’ospedale Sant’Anna di Boscotrecase. Sono passati ormai due anni dalla sua riconversione ma, nonostante la diminuzione dei casi covid nell’area vesuviana, non si prospetta ancora una riapertura del pronto soccorso. Nel frattempo, i cittadini sono allo sbaraglio, lasciati di nuovo soli da quella politica fatta solo di promesse non mantenute.

CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PHOTOGALLERY

Tra gli organizzatori della manifestazione Ada Ferri, presidente dell’associazione Catena Rosa: “La politica ci ha traditi perché ha svuotato questo territorio dei servizi essenziali”. Ha poi aggiunto: “Chiediamo immediatamente la riapertura del pronto soccorso e una sanità pubblica sul territorio, soprattutto per quanto riguarda la medicina di genere”.

Il presidio ospedaliero di Castellammare non riesce più a sostenere l’enorme bacino di utenza. I posti letto non sono abbastanza, il personale sanitario è insufficiente e, in queste condizioni, i casi di negligenza medica aumentano esponenzialmente.

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO VIDEO DELLA GIORNATA

Tra i presenti alla protesta anche Orfeo Mazzella, attivista di Torre Annunziata: “Rivogliamo il pronto soccorso, è essenziale. Stiamo lottando in questo momento con tante persone. Non molleremo di un centimetro”.

Raggiunto l’ospedale Sant’Anna di Boscotrecase, i cittadini e le associazioni hanno gridato nuovamente l’importanza di vedersi garantito diritto alla salute, considerato il faro della Costituzione Italiana. Il monito di Salvatore Aulicino Mazzei, presidente dell’associazione Cives Inter Pares: “Finalmente una manifestazione non politicizzata, fatta di diverse realtà sociali. Bisogna smetterla di politicizzare le questioni, bisogna riunirsi intorno ai temi comuni per fare delle battaglie comuni”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto

vai al video

il corteo