E’ dallo scorso primo febbraio che un tratto di via Castello a Torre Annunziata è stato chiuso a tempo indeterminato a causa di un palazzo a rischio crollo. La zona è stata transennata con dei new jersey, creando altre difficoltà agli abitanti della zona. Già da qualche anno il Quadrilatero delle Carceri è stato praticamente blindato, a causa delle condizioni degradate di vari stabili.

In questo periodo, già reso complicato dall’emergenza Covid, i commercianti di via Castello sono messi ancora più a dura prova. E’ così intervenuto Giuseppe Manto, presidente di Confcommercio, che ha voluto tendere una mano alla categoria. “Siamo veramente arrabbiato per il silenzio dell’amministrazione comunale per la difficile situazione che stanno vivendo i cittadini e gli esercenti di via Castello e via San Francesco di Paola –ha affermato- Le strade sono state chiuse da mesi senza che ci sia un piano per riaprire una parte nevralgica di Torre Annunziata come quella. Sarei curioso di chiedere ai primi cittadini, vecchi e attuali, dove sono finiti gli 11,5 milioni di euro che lo Stato ha inviato nel 2007 per riqualificare il Quadrilatero”.

L’attacco di Manto poi è proseguito. “Chiederemo a breve un incontro al primo cittadino, Vincenzo Ascione, per capire quali sono le sue intenzioni per riqualificare l’area. Anche il consiglio comunale deve farsi carico di questo disastro provocato dalle gestioni amministrative. Spero che non dovremo scendere in piazza per essere ascoltati. Quelle strade vanno riaperte subito, perché quei rioni sono la storia di Torre Annunziata”.