"Tento di guardare più in là del mare...senza limiti di tempo". Queste le parole che hanno dato il "via" alla QUARTA edizione della Sagra della Torretta,un evento divenuto ormai un appuntamento fisso di fine estate che sa però rinnovarsi, vestendosi di nuovi colori:

quelli della partecipazione e della condivisione, elementi imprescindibili se si vuole costruire qualcosa in grado di durare nel tempo.

Quest'anno sul palco, allestito dagli infaticabili volontari della MISERICORDIA di Torre Annunziata, si sono avvicendati diversi artisti e interpreti di un sentire comune, sia pure con sfumature differenti: l'appartenenza alla cultura partenopea e in particolare alla storia di un territorio come quello oplontino, testimoniato in questa occasione dall'imponente presenza della "torretta", costruita nel XV secolo Ugone d'Alagno, figlio del  feudatario di Torre dell'Annunciata, Nicola D'Alagno.

E proprio di fronte allo storico monumento -che secondo il simpaticissimo presentatore, Aniello Birrante affiancato da Liliana Peluso,  sarebbe stato proclamato dall'UNESCO patrimonio dell'Umanità - si sono  esibiti: la "posteggia classica partenopea" di Carmine e Antonia Pignalosa, accompagnati dal mandolino , il M°Antonio Gagliotti . A seguire il mago cabarettista Enzo Ascione che ha allestito uno spettacolo estremamente coinvolgente ed esilarante. Alla manifestazione sono inoltre intervenuti -chiamati in causa dal puntuale ed emozionante discorso pronunciato dal Governatore dell'associazione La Misericordia di Torre Annunziata, la sig.ra Ignazia Costa - l'Amministrazione comunale nella persona del primo cittadino di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione che ha voluto portare il proprio saluto e  l'assessore alle politiche sociali, Stefano Mariano che si é impegnato pubblicamente, garantendo  all'Associaione un anno di assicurazone per il nuovo mezzo di soccorso e l'ex vicepresidente delle Misericordie Giuseppe De Stefano, il quale ha espresso la propria soddisfazione per quanto realizzato dai confratelli dell'associazione e dalla gente del quartiere che ha dato prova , ancora una volta  di grande partecipazione . La governatrice ha inoltre ringraziato gli sponsors che hanno contribuito economicamente e non solo alla buona riuscita della serata, il cui motto é "Insieme tutto pesa la metà!". Il ritmo della serata é stato scandito dai divertenti interventi dei due presentatori, giocando spesso in chiave umoristica sul classico antagonismo  uomo vs donna.

Ai piedi della Torretta  era possibile ammirare un altro spettacolo fatto di voci,di  sorrisi, di sguardi sereni e curiosi, di mani che applaudivano e di visi commossi dalle vibrazioni della splendida voce del tenore Gianluca Pantaleone che ha interpretato egregiamente due celebri  canzoni  del suo repertorio:  "Il mare calmo della sera" di

 A. Bocelli e "O'sole mio"mentre la "Torretta" si illuminava all'esplodere dei fiori multicoloridei fuochi !...Intanto gli organizzatori già progettano la prossima edizione: un altro successo della Misericordia di Torre Annunziata, da sempre impegnata nel sociale e a questo punto possiamo dirlo- nella valorizzazine dei valori di un territorio troppe volte abbandonato a se stesso.

Liliana Peluso

foto di Giuseppe Forcella

vai alle foto