“In un momento di difficoltà come quello che ci troviamo a vivere, i giovani e gli adolescenti sono tra i soggetti sensibili che più hanno risentito dell’isolamento legato alle misure messe in atto per contrastare il covid. Assistiamo sempre più spesso a fatti di sangue che coinvolgono minorenni. Non ultimo l’episodio dell’accoltellamento, avvenuto per futili motivi a Gragnano pochi giorni fa, per il quale un plauso va al lavoro della Compagnia dei Carabinieri di Castellammare di Stabia, riuscita a rintracciare nel giro di pochi giorni il minorenne autore del delitto avvenuto a carico di un altro minore di 15 anni.

Lo ha dichiarato la coordinatrice della Lega-Salvini Premier per l’Area Sud della Provincia di Napoli, Tina Donnarumma, in merito alla vicenda del ragazzino accoltellato a Gragnano.

“I nostri giovani – ha proseguito Donnarumma, associandosi al responsabile Lega dell’Area Monti Lattari Pasquale Gentile e il responsabile del Dipartimento Legalità e Sicurezza Patrizio Mascolo - vanno guidati ed inseriti in percorsi di recupero specifici. Le amministrazioni locali, le associazioni di volontariato, le scuole, le parrocchie, hanno il compito ed il dovere di stare accanto ai giovani dei nostri territori e di coinvolgere i minori a rischio in progetti ed iniziative che li allontanino dalla devianza, mostrando loro che l’unica strada che paga è quella della legalità”.

Le condizioni

Il commento

la rabbia

Il fatto