"Niente e nessuno riporterà indietro i nostri cari. Non abbiamo nulla da festeggiare". Imma Duraccio è ancora provata per la sentenza emessa dal giudice Francesco Todisco. Nel pomeriggio di ieri si è chiuso il processo di primo grado per il crollo di Rampa Nunziante a Torre Annunziata. Quattro le persone condannate per la tragedia, che ha portato alla morte di otto persone.

Tra queste Anna, la sorella di Imma. La mattina del 7 luglio 2017 stava dormendo assieme al marito Pasquale e ai piccoli Francesca e Salvatore. Poi alle 6,25 il crollo che ha sconvolto un'intera comunità. Quattro anni davvero molto lunghi per lei che ha dovuto anche deporre in aula assieme al marito Giovanni De Felice e alla mamma Maddalena Fraschetta.

Lei riuscì a scampare al crollo quella maledetta mattina. Ora vuole che la giustizia continui il suo corso. "Non possiamo essere contenti perché non ci torna nulla indietro. Sono state comunque più o meno confermate le pene richieste dalla pm Ambrosino. Ma ripeto non abbiamo alcunché da festeggiare. E' stato finora un percorso doloroso e faticoso. Non è stato facile metterci la faccia e entrare ogni volta in Tribunale. Però noi vogliamo andare avanti. La giustizia non deve fermarsi".

vai al video

Il punto di vista

la sentenza

La sentenza

l'attesa della sentenza

il processo

L'accusa

L'attesa