È stato l’esecutore materiale della rapina ai danni della farmacia Iovino di Torre Annunziata, quella del 13 giugno scorso, e dal 24 settembre si era reso irreperibile. Francesco Zaccarino, questo il nome del terzo complice della gang, si è costituito al carcere di Sant’Angelo dei Lombardi.

Già pochi giorni dopo la rapina, gli agenti della Polizia di Pompei, oggi guidati dal vice questore aggiunto Raffaele Angelo Lamanna, avevano catturato a Pagani Alberto Vezzi e Giovanni Solimeno. Mancava all’appello il terzo complice, proprio Zaccarino.

I tre sono ritenuti responsabili, non solo della rapina alla farmacia di corso Vittorio Emanuele III, anche di diversi furti di autovetture. Lo stesso 13 giugno, infatti, avevano rubato una Fiat Uno che doveva servire per il raid ma era stata rinvenuta, parcheggiata, dalle forze dell’ordine. Nonostante questo imprevisto, Zaccarino ha rapinato la farmacia del dottor Iovino.

L'interrogatorio

Gli sviluppi

La nuova ordinanza

Gli arresti

La dinamica

La rapina - LE FOTO