Duro colpo ai furbetti del reddito di cittadinanza. Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha dato esecuzione, nei Comuni di Boscoreale, Poggiomarino, Torre del Greco e Vico Equense, a un provvedimento di sequestro preventivo, per oltre mezzo milione di euro, emesso dal Giudice per le indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su conforme richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 43 persone per il reato di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

In particolare, all'esito delle indagini coordinate da questa Procura della Repubblica, i finanzieri del Gruppo di Torre Annunziata hanno accertato le situazioni presenti all'interno di nuclei familiari percettori del reddito di cittadinanza.

La normativa di riferimento  prevede che, nel caso in cui il nucleo beneficiario del reddito di cittadinanza abbia tra i propri componenti soggetti che si trovino in stato detentivo, la relativa scala di equivalenza, ossia il parametro di riferimento utilizzato per determinare l'importo esatto di quanto spettante, debba essere ridotta, non dovendosi tener conto dei soggetti che si trovino nella predetta situazione.

Al riguardo, grazie alle investigazioni delle Fiamme Gialle, condotte anche attraverso un interscambio informativo con la Casa Circondariale “Giuseppe Salvia” di Napoli - Poggioreale, sono state individuate le 43 posizioni oggetto dell'odierno provvedimento cautelare reale, che avrebbero percepito in maniera indebita il reddito di cittadinanza per un importo complessivo di euro 520.846,38.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"