Secondo appuntamento presso la sede del PD di Torre Annunziata con la Scuola di Formazione Politica dei Giovani Democratici denominata #officinadem. Tema della giornata la riforma costituzionale di cui si sta discutendo in queste settimane che verrà votata domenica 4 dicembre. Un dibattito serrato a cui è mancata la rappresentanza del no perché la senatrice Luisa Bossa era influenzata. Presenti i massimi esponenti della giovanile, con Francesca Scarpato, segretario regionale e Pasquale Stellato, vicesegretario nazionale gd. Presente anche il presidente del consiglio comunale Antonio Gagliardi, il presidente del Forum dei giovani Fabio Avitabile e il magistrato Michele Del Gaudio.

“Questa riforma non è perfetta, ne siamo consapevoli – dice introducendo i lavori il segretario Salvatore Avvisato – ma bisogna avere una visione più razionale perché rappresenta comunque un punto di inizio da cui partire in periodo di cambiamento come questo e capire che la Costituzione per forza di cose è esposta all’evoluzione della storia e della cultura politica. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di inserirla nella formazione politica garantendo l’argomentazione di entrambi gli orientamenti che esprimono il 4 dicembre. Noi Giovani Democratici stiamo dando prova non solo di cosa significa essere “Organizzazione Giovanile con gli attributi – afferma Avvisato - ma cosa significa fare politica in modo serio, costruttivo e tra la gente. Voglio ricordare – continua Avvisato - che siamo gli unici sul territorio, a livello locale, provinciale e regionale che ha istituito la formazione politica aperta a tutta la cittadinanza.

Questo per me significa essere un Partito, significa essere di Sinistra e soprattutto una generazione che passa dal 2.0 al 4.0”. Ha poi preso la parola Del Gaudio: “Non indicatemi come sostenitore del No perché al momento sono ancora indeciso su come votare. Chiederò un parere a mio figlio - ha chiosato sorridendo - Io non sono tra coloro che affermano che la Costituzione è immodificabile. Se fosse dipeso da me, avrei abolito completamente il Senato”. A seguire l’intervento della consigliera regionale Enza Amato che ha descritto le novità che comporta la riforma, dal nuovo Senato alla revisione del Titolo V con le nuove funzioni che tornano allo Stato, eliminando le materie condivise.

Al termine dell’incontro il segretario Salvatore Avvisato ha consegnato le targhe onorative con il logo della scuola politica GD agli ospiti e termina con la storica frase di Martin Luther King:  “Cercate ardentemente di scoprire a che cosa siete chiamati a fare e poi mettetevi a farlo appassionatamente. Siate comunque sempre il meglio di qualsiasi cosa siate”


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"