Cade definitivamente l’ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa nei confronti del consigliere regionale della Campania Stefano Graziano. Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli, Laura Alfano, ha accolto la richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo campano e ha disposto l’archiviazione del procedimento, come da richiesta del Pubblico ministero del 28 luglio.

Stefano Graziano esprime la propria gratitudine ai magistrati per la celerità con cui è intervenuto il provvedimento definitivo che esclude in maniera netta, come dallo stesso sempre dichiarato, il suo coinvolgimento nella vicenda oggetto di indagine.

Ho appreso con viva soddisfazione che a carico del collega e amico Stefano Graziano è caduta definitivamente l'ipotesi di concorso esterno in associazione mafiosa”. Lo dice in una nota Mario Casillo, capogruppo consiliare del Pd alla Regione Campania. “Abbiamo sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura pur essendo certi che Graziano avrebbe chiarito quanto prima la situazione dimostrando la propria estraneità ai fatti che gli furono contestati. Mi auguro che il felice esito della vicenda di Graziano sia di monito ai giustizialisti di professione per i quali basta un avviso di garanzia per essere già condannati, sempreché non si tratti di appartenenti al proprio partito”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"