Pochi manifesti affissi per strada a Torre Annunziata ma nessuno vicino al parco archeologico cittadino. Nessuna informazione per i turisti che percorrono il tratto dalla stazione di Oplonti alla villa di Poppea. Nessuna brochure o locandina alla biglietteria. Nessun evento su facebook, il più famoso e frequentato social del mondo. Nessun altro social utilizzato per pubblicizzare l’evento. Nessuna info recuperabile negli altri scavi del vesuviano. È questa la mastodontica, tanto per usare un eufemismo, campagna di marketing e di pubblicità messa in moto per la mostra ‘Oplontis, il fascino e la bellezza’.

L’evento realizzato dal comune di Torre Annunziata, grazie alla soprintendenza di Pompei e finanziato dalla Regione Campania con fondi pubblici.

vai al video

Apertura straordinaria

Apertura no stop il primo maggio

Il finanziamento dell'Ente

Il commento di Alfano

La curiosità

Gli ingressi al 31 marzo

Starita: 'Mostra prolungata'

Il monito dei 5 Stelle

Gli studenti alla mostra

La nostra risposta

Mostra, questa sconosciuta

Il commento di Osanna

Starita: 'Il palazzo sede museale permanente'

L'inaugurazione l'11 marzo

'Dopo la mostra, il museo in città'

La Regione sblocca il finanziamento

Mostra rimandata al 30 novembre

La dedica a Khaled al Assaad

Bocciato 'Le vie di Oplonti'

Approvato il finanziamento

Gli 'Ori di Oplonti'. Il commento di Irlando

La mostra degli 'Ori di Oplonti'