“Il rinvio dell’apertura è il segnale della gracilità di chi si nasconde, senza prendere posizione e soprattutto senza ammettere l’incapacità di mettere a frutto i fondi per realizzare gli adeguamenti delle strutture scolastiche”.

E’ il duro attacco del circolo Pd di Torre Annunziata all’amministrazione comunale, per il nuovo rinvio della riapertura delle scuole.

Dopo l’ordinanza del sindaco Vincenzo Ascione, che ha deciso di posticipare ancora l’inizio delle attività didattiche in tutti gli istituti del territorio dal 28 settembre all’1 ottobre, continua a divampare il fuoco della polemica.

Il circolo Pd locale, presieduto da Francesco Savarese, ha preso posizione sul caos che ruote attorno alle scuole della città. L’ordinanza ha fatto già storcere il naso ad alcuni dirigenti scolastici, che da tempo si erano organizzati per riaccogliere i ragazzi che oramai sono fuori dalle aule dallo scorso marzo.

“La riapertura delle scuole è il segnale forte di una comunità che è capace di aggredire le difficoltà, affrontandole, cogliendo in esse un’opportunità di miglioramento – ha puntualizzato Savarese -. La responsabilità più grande di chi amministra quelle comunità è garantire ai suoi ragazzi l’opportunità di dotarsi di un futuro. Un futuro che si costruisce con coraggio, non con la paura”.

La situazione

L'ordinanza a Torre