"Questa mattina il Gup presso il Tribunale di Napoli ha accolto la richiesta del Pm emettendo sentenza di non luogo a procedere nei miei confronti circa la questione dei rimborsi del Consiglio regionale" - è quanto ha dichiarato sul suo profilo Facebook Mario Casillo, capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale. 

L'esponente del Pd continua affermando che "fin dall'inizio di questa vicenda non è mai venuta meno la cieca fiducia nell'operato della Magistratura e oggi sono particolarmente soddisfatto del verdetto che ribadisce la correttezza del mio operato. Desidero ringraziare i miei avvocati Carlo Di Casola e Luigi Mennella per la loro professionalità ed il loro impegno ma soprattutto intendo abbracciare tutti voi per l'affetto e la solidarietà che mi avete manifestato in questi mesi".

Rinviati a giudizio, invece, sette consiglieri ed ex-consiglieri coinvolti nell'inchiesta che riguarda le presunte irregolarità nei rimborsi erogati ai consiglieri.

Il gup Pasqualina Paola Laviano ha accolto in gran parte le richieste del pm Giancarlo Novelli. Sono stati rinviati a giudizio con l'accusa di peculato Angela Cortese (Pd), Enrico Fabozzi (Pd), Corrado Gabriele (Pd), Rosaria Anita Sala (Idv), Nicola Marrazzo (Idv), Carmine Mocerino (Udc), Pasquale De Lucia (Udc). Il processo inizierà il 2 febbraio dinanzi alla quarta sezione del Tribunale. 


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"