Rissa violenta alla partita di calcetto. Il branco si scaglia contro un giocatore con le stampelle e l'allenatore interviene per difenderlo. A quel punto scatta la missione punitiva contro il mister, con tanto di pistola impugnata per minacciarlo e poi per colpirlo con il calcio alla testa: poteva finire in tragedia la gara di futsal (calcio a 5) under 19 tra il Casavatore e il Quarto, disputata domenica scorsa nel palazzetto di Casavatore, in provincia di Napoli.

A stigmatizzare l'accaduto, attraverso un post pubblicato su Facebook, è l'Ads Futsal Quarto. L'allenatore del Quarto Under 19, che ha riportato un trauma cranico, ha presentato una denuncia ai carabinieri di Casoria che stanno indagando sull'accaduto.

Tutto è avvenuto dopo alcune scaramucce in campo tra i giocatori, durante la partita valida per il campionato regionale. Dopo l'aggressione si è presentato un gruppo di persone con il volto coperto, armate di una pistola, che se la sono presa con l'allenatore. Paura tra gli spettatori sugli spalti, perlopiù genitori e parenti dei ragazzi in campo. "Auspichiamo che la responsabilità di quanto avvenuto - scrive il Quarto sul social - venga accertata quanto prima dalle forze dell'ordine, al fine di identificare gli aggressori e prendere i giusti provvedimenti".

"I carabinieri - si legge ancora nel post - sono intervenuti in campo e i nostri calcettisti sono stati condotti in caserma, dove hanno riferito alle forze dell'ordine su quanto accaduto. Successivamente, i vigili ci hanno scortati fino alla tangenziale per guadagnare in sicurezza l'uscita dal comune di Casavatore".


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"