Campagna anti botti. L'amministrazione di San Giorgio a Cremano, guidata dal sindaco Giorgio Zinno, ha già avviato la sensibilizzazione nelle scuole del territorio rispetto all'usanza di sparare botti illegali e pericolosi. Questa mattina, il primo cittadino, insieme all'assessore alla Sicurezza, Ciro Sarno, e agli agenti di Polizia Municipale ha partecipato al primo appuntamento nell'Istituto Comprensivo De Filippo, diretto dalla prof.ssa Chiara Priore. Agli studenti, in particolare delle classi seconda e terza della scuola primaria di secondo grado, sono stati spiegati i rischi e le conseguenze dell'uso indiscriminato di botti durante le festività natalizie e di fine d’anno. La campagna di sensibilizzazione, che verrà svolta nelle altre scuole del territorio, secondo un calendario già stabilito, prevede il coinvolgimento diretto dei ragazzi attraverso simulazioni e la presentazione di slide con immagini, anche forti, che spiegano i pericoli per l'incolumità di chi li usa e di chi vi è vicino. L’iniziativa di sensibilizzazione nei confronti dei più giovani proseguirà domani 13 dicembre presso la scuola media Stanziale, mercoledì 14 presso l'istituto Marconi, giovedì' 15 presso la Don Milani Dorso e a finire la scuola Massaia. Intanto il sindaco Giorgio Zinno renderà pubblica nei prossimi giorni l'ordinanza con la quale si dispone di non esplodere prodotti pirotecnici pericolosi e si vieta la loro "libera vendita" negli esercizi commerciali non abilitati, nonché naturalmente, la vendita ambulante di prodotti esplodenti non consentiti. Nelle prossime ore in città saranno affissi anche i manifesti della campagna anti-botti che quest'anno punteranno su un messaggio semplice quanto efficace, che riguarda anche i nostri amici a quattro zampe, sensibili quanto e più degli umani alle esplosioni dei botti.

"Abbiamo deciso di fare di più rispetto all'anno scorso - spiega il Sindaco Giorgio Zinno -  attraverso la presenza diretta delle Forze dell'Ordine e dell'amministrazione nelle scuole, immaginando che possano essere i bambini a dire ai loro genitori di non sparare e di non rischiare la propria incolumità. I bambini sono il nostro presente e come città dei Bambini e delle Bambine, ancora una volta abbiamo puntato sull'educazione dei più piccoli perchè la cultura del rispetto verso se stessi e verso gli altri, inizia dai minori. Diffondiamo messaggi di civiltà per impedire spiacevoli episodi legati alla superficialità o alla mancanza di conoscenza dei pericoli derivanti dall'uso dei botti".

D'accordo anche Ciro Sarno: "Abbiamo programmato le attività di prevenzione nelle scuole prima della chiusura delle stesse in virtù dell'avvio delle Feste di Natale. L'amministrazione Zinno ha a cuore i bambini, le famiglie e anche il patrimonio pubblico e privato che non di rado subisce danni proprio per l'uso sconsiderato dei botti".


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"