San Giorgio - Mensa scolastica. E' partito presso l'Istituto 'IV Stanziale', plesso 'Noschese', lo "scodellamento" per gli alunni della scuola materna ed elementare. Nell’ottica della programmazione, attraverso l'assessorato all'Istruzione guidato da Michele Carbone, il sindaco Giorgio Zinno ha disposto la sperimentazione del servizio di refezione, al fine di renderlo effettivo a partire dal prossimo settembre in tutti i cinque istituti comprensivi del territorio. Con lo scodellamento i pasti vengono serviti ai piccoli utenti direttamente al piatto e non nelle vaschette di alluminio preconfezionate. Durante il primo giorno della sperimentazione presso il plesso Noschese il sindaco, l'assessore e i consiglieri Giordano, Mignano e Cilento hanno assaggiato le pietanze somministrate ai bambini per verificare in prima persona la qualità del cibo.

"Abbiamo constatato che i bambini hanno risposto bene allo scodellamento - spiega il sindaco Giorgio Zinno - . Anche i genitori hanno espresso giudizi positivi sul servizio e sulla qualità dei piatti proposti. E' nostra intenzione conferire una dimensione familiare al momento della refezione, dando ai piccoli alunni la sensazione di pranzare a casa. In questo modo - conclude il primo cittadino - avremo bambini più felici e genitori più soddisfatti". Le pietanze che rispettano il menù concordato con i genitori e la Asl per gusto e quantità, vengono servite in piatti biodegradabili, garantendo così anche il rispetto dell'ambiente e un risparmio all'Ente sulla raccolta differenziata. "L'avvio della fase sperimentale - dichiara l'assessore Michele Carbone -  consente a tutti i soggetti coinvolti nella refezione, dai bambini agli addetti, passando per i docenti, di avere un approccio consapevole alla mensa".