Sono stati accertati 4 nuovi casi di contagio da Covid 19 a San Giorgio a Cremano. Si tratta di ospiti del Cas, gestito dalla Prefettura di Napoli, in via don Morosini. Secondo quanto riferito dal sindaco Giorgio Zinno sono  tutti in buono stato di salute, asintomatici e la loro positività é stata scoperta grazie alla mappatura dei contatti.

Queste le parole del primo cittadino. "Nel ricordare che il Comune non ha alcuna competenza sulla struttura, per evitare problemi di ordine pubblico, ho già chiesto al Prefetto ed al Questore di rafforzare i controlli e di ospedalizzare gli ospiti, anche se asintomatici, per evitare il diffondersi del virus all’interno della struttura.

Tutti i migranti positivi al Covid-19 sono da anni in Italia ed hanno contratto il virus sul nostro territorio. La situazione è attualmente sotto controllo.

Come al solito qualcuno si è lanciato nella sterile polemica strumentale (d’altronde da domani saremo in campagna elettorale) accusandomi di aver svelato il luogo di residenza dei positivi.

E’ del tutto evidente che ancora una volta ho agito nella massima trasparenza, a tutela dei concittadini e per fermare voci incontrollate. L'ho già fatto mesi fa, quando risultarono positive le suore e lo rifarò in futuro ogni qualvolta servirà, per tutelare i concittadini e fermare notizie false; Così come ho chiesto e chiederò l’intervento di chi è deputato a farlo, per scongiurare focolai sul territorio.

Dopo svariate telefonate ho avuto rassicurazioni che entro lunedì saranno ospedalizzati anche questi nuovi casi e saranno effettuati nuovamente i tamponi, per garantire che non vi siano nuovi positivi, anche se il soggetto gestore del centro ha comunque attuato il protocollo previsto per isolare nella struttura coloro che risultano positivi.

Mentre qualcuno è intento a fare solo campagna elettorale o campagna di odio, io continuo a lavorare per la città in maniera trasparente dando notizie reali per combattere contro chi vuole far vincere l’odio o il pettegolezzo sulla realtà.

A San Giorgio a Cremano non ci sono situazioni di particolare rischio per la popolazione, ma è del tutto evidente che è fondamentale la collaborazione tra tutte le Istituzioni preposte per garantire la sicurezza a tutti.

Ovviamente siamo tutti chiamati ad una maggiore responsabilità se non vogliamo andare verso un nuovo lockdown, ma i concittadini sangiorgesi hanno già dimostrato la loro responsabilità e continueranno a farlo".