Si concludono oggi (ieri per chi legge) gli interventi di deblattizzazione e derattizzazione su tutto territorio comunale. Rispettato a pieno il calendario stilato con l'assessore Ciro Sarno, il sindaco Giorgio Zinno dispone però interventi straordinari per almeno altre 24 ore, intervenendo nelle zone più critiche segnalate dai cittadini.

Presso l'ufficio Ambiente dell'Ente e via Messenger sulla pagina Fb del Primo Cittadino, sono giunte infatti richieste di interventi in alcune strade particolarmente critiche, come quelle al confine con Napoli che verranno effettuate nelle prossime ore.  Le attività saranno infatti prorogate almeno fino al 2 luglio, salvo ulteriori, urgenti segnalazioni.  

Un segnale di attenzione che l'amministrazione mostra nei confronti dei cittadini, potenziando ulteriormente la bonifica totale del territorio. Il Primo Cittadino però chiarisce che prima di segnalare qualsiasi criticità è necessario verificare che gli amministratori di condominio e i proprietari di fabbricati privati abbiano effettuato i medesimi interventi, onde vanificare quanto messo in campo dall'amministrazione. A tal proposito vige infatti l'ordinanza antiblatte (visibile in homepage sul sito istituzionale) che prevede anche la comunicazione dell'avvenuta deblattizzazione presso l'Ufficio Ambiente dell'Ente. Pena, sanzioni fino 500 euro.

Questa notte intanto saranno completati inoltre gli interventi anche sui restanti parchi pubblici.   "Abbiamo coperto tutto il territorio, in 10 giorni, come da programma - spiega il sindaco Giorgio Zinno - ma abbiamo accolto alcune segnalazioni urgenti e abbiamo disposto, grazie alla disponibilità della ditta, ulteriori interventi. Noi siamo al servizio della città, speriamo che i cittadini abbiano il buon senso di effettuare gli interventi nei condomini e negli spazi che non sono di pertinenza pubblica. Se facciamo squadra riusciremo a rendere San Giorgio a Cremano un luogo sempre più vivibile e piacevole".

D'accordo Ciro Sarno: L'anno scorso in alcuni fabbricati, non è stata rispettata l'ordinanza con la grave conseguenza di aver vanificato gli interventi di bonifica effettuati dall'Ente. In questa come per ogni aspetto che riguarda la tutela e il rispetto della città è necessaria la collaborazione di tutti. Iniziamo dal fronte igienico-sanitario ma è chiaro che questo vale anche per il verde pubblico e per tutto quello che rientra nel decoro urbano".