Ha suscitato sdegno e  disgusto, dopo la morte di un’altra suora avvenuta ieri a causa del Covid-19,  il video postato sui social  che mostra quattro suore  sulle barelle prelevate dalle ambulanze e portate via.  

Si tratta delle religiose del noto Istituto Regina Mundi di San Giorgio a Cremano  il cui  trasporto era stato voluto per ospedalizzare quattro delle sei  suore  rimaste al fine di  diminuire la loro concentrazione nell’Istituto nel quale ora ne restano due.  

Il video che ha fatto il giro dei social ha creato in tutti coloro che l’hanno visto sdegno e proteste. Centinaia le reazioni pubblicate da  persone cresciute nell’Istituto, o dove sono stati da  piccoli i figli o nipoti, con  quelle  religiose che hanno costituito per molti anni punto di riferimento  per la città.   

Primo tra tutti lo sdegno del  Sindaco Giorgio Zinno che scrive sulla sua pagina facebook: “Purtroppo  le suore stanno affrontando  il momento più delicato della loro storia da quando sono sul territorio Tutti noi ci stringiamo intorno a questa comunità che ha dato molto alla nostra città e che speriamo esca presto dalle difficoltà. Su quelle barelle  non c’erano marziani ma donne che hanno accolto  e cresciuto  con devozione e amore tanti bambini negli anni , donne che per vocazione hanno sempre tenuto alla loro riservatezza  violata barbaramente”.    Resta scandalosa la pubblicazione e la diffusione del video le cui immagini  in questo triste momento sono diventate oggetto di  inopportune curiosità e commenti morbosi, tutto causato da chi per un momento di gloria ha diffuso e strumentalizzato  situazioni così drammatiche e dolorose.   

L’evento può essere considerato come una assoluta  mancanza di rispetto per chi soffre ma anche violazione della privacy .  E’ una domanda che si pongono i molti  utenti che utilizzano social network : si può rivelare l’identità delle persone contagiate e comunque diffondere informazioni che le rendano riconoscibili ? La risposta sembra essere negativa.    Qualcuno infatti si spinge oltre: “Dal momento che sarebbe facile risalire a chi ha fatto il video , la sua denuncia sarebbe d’esempio per tutti”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"