Luca Balzano è stato uno dei colpi del mercato estivo del Savoia. Il bomber, torrese doc, malgrado non abbia quasi mai giocato al massimo della sua forma fisica a messo ha segno ben 14 gol tra campionato e coppa. Un bottino da record, che comunque non gli ha sempre permesso di giocare dall’inizio nell’infinita sfida tra ‘numeri 9’ con Mallardo.

Balzano aveva già avuto sentore che qualcosa non andasse in seno alla società ed ha così deciso di cambiare aria accettando l’offerta della vicina San Giorgio. Una scelta non dettata dal cuore, ma da altri fattori per il re dei bomber dell’Eccellenza, da sempre legato alla maglia del Savoia. “Mi è dispiaciuto troppo dover dire addio ad un gruppo fantastico e ai tifosi, ma alla mia età e con un figlio appena nato dovevo guardare ad altre priorità. Malgrado le tante difficoltà eravamo riusciti a costruire qualcosa di buono, poi il resto non è dipeso da noi. Un pensiero va anche a Sosa che ha subito detto di credere nelle mie potenzialità”.

L’attaccante oplontino non ha parole positive (e come biasimarlo) nei confronti del club di Todisco, incapace di dare tranquillità all’intero ambiente. “La società era una vera e propria baraonda. Non abbiamo mai avuto rassicurazioni sul futuro, malgrado i pagamenti (anche a singhiozzo come detto ieri da Toscano) dei rimborsi dei mesi scorsi. In queste condizioni era impossibile andare avanti, ed ho così preferito una piazza come San Giorgio che di sicuro mi dava più garanzie”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

Le parole di Mascitelli

La continua rivoluzione

La fumata nera