Tira sempre più l'aria di ridimensionamento attorno al Savoia. Il presidente Arnaldo Todisco, al di là dei proclami, sembra intenzionato a fare piazza pulita di tanti giocatori che sono attualmente in rosa per ripartire quasi da zero. Un dejavù già visto l'anno scorso a Ponticelli, quando l'avvocato partenopeo smantellò tutta la squadra, a causa di varie problematiche. 

Malgrado l'operazione simpatia con la nomina del 'Pampa' Sosa come nuovo allenatore, i bianchi hanno parecchie gatte da pelare. E' chiaro l'interessamento della Turris per Toscano, così come quello del Marcianise e della Nocerina per capitan Guarro. Non mancano le richieste per Balzano, re dei bomber dell'Eccellenza, e Mallardo che dovrebbe ridiscutere il suo rimborso dopo il primo accordo trovato lo scorso ottobre, ma difficilmente troverà un accordo. Sul piede di partenza anche Velotti, che non ha mai pienamente convinto.

Sul piede di partenza ci sarebbe anche Tommaso Manzo, uno dei fiori all'occhiello della campagna acquisti estiva. Alle critiche nette di Todisco durante la presentazione di Sosa, sarebbe seguito anche un diverbio telefonico. A meno di clamorosi ripensamenti l'avventura a Torre Annunziata del fantasista partenopeo pare già finita. Per lui non mancano le offerte soprattutto dalla D.

In entrata non ci sono nomi altisonanti. Si parla del ritorno di Esposito e Incarnato. Due onesti giocatori, ma non proprio dei top player da cui ripartire per sferrare la rimonta all'Herculaneum.