“La giustizia si muova, lo faccia per i bambini”. E’ questo l’appello di Alfredo Formisano. Il vedovo di Tommasina De Laurentiis ha commentato la sentenza della Corte d’Appello di Napoli. Pene confermate per il primario Roberto Palomba, che operò di colecisti la 22enne di Torre Annunziata l’8 marzo 2013 all’ospedale di Boscotrecase. Anche in secondo grado sono state riscontrate le sue responsabilità. Ma a causa della riforma Bonafede, l’accusa di omicidio colposo è caduta in prescrizione. La pena è così diminuita da 10 a 5 anni.

Il sistema ‘lumaca’ ha amareggiato Alfonso Formisano, che ha così commentato la vicenda. “Sono contento di aver saputo la verità, ma nove anni per concludere una causa sono tanti. Il sistema si deve muovere. Mia figlia Maria Chiara ha sofferto e altri bambini come lei. Il mio appello è quello di muoversi, ma per dare una risposta ai più piccoli”.

Poi ha aggiunto. “Sono stati anni che abbiamo vissuto sulle spine. Grazie all’avvocato Gennaro Ausiello è uscita fuori la verità. Abbiamo combattuto e siamo riusciti ad arrivare al nostro obiettivo. Ma è stata giustizia a metà”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai al video

L'annuncio

Il ricordo della figlia

Il commento

La sentenza