Sgominata una banda di trasfertisti, tutti di origine campana, pronta a fare razzie di Natale.

E’ l’esito dell’operazione della polizia di Pordenone che ha intercettato il gruppo, attivo tra Friuli Venezia Giulia e Veneto. Il bilancio dell'operazione, conclusa la scorsa notte, è di un arresto e sei indagati: sono tutti pregiudicati di origine campana. Proprio a Napoli è avvenuto l’arresto del capo della banda, un 41enne ora in carcere a Poggioreale. Effettuate perquisizioni nei confronti degli altri 6 sodali, indagati in stato di libertà. Secondo gli investigatori la banda stava progettando una grossa rapina a mano armata nel Nord Italia per le vacanze natalizie.

Le indagini hanno anche consentito di individuare gli autori di un furto in abitazione, commesso in provincia di Pordenone, durante il quale furono asportati quadri di pregio per un valore di 300mila euro. L'uomo arrestato è inoltre ritenuto l'autore della rapina a mano armata effettuata il 29 agosto scorso ai danni di un “Compro oro” di Mestre, in provincia di Venezia.

E' stato accertato come il sodalizio criminale effettuasse continue trasferte da e per il Friuli Venezia Giulia, con reati predatori di vario genere tra cui furti, rapine ed estorsioni.