E’ stato fissato il giorno del colloquio del Riesame, che si pronuncerà sulla richiesta di scarcerazione di Nunzio Ariano. Il prossimo 19 gennaio, alle 9,30, l’ormai ex capo dell’Ufficio Tecnico di Torre Annunziata, difeso dall’avvocato Francesco De Gregorio, sarà alla decima sezione del Tribunale di Napoli per discutere della propria posizione.

Il gip Antonio Fiorentino si era già opposto ai domiciliari di Ariano, per evitare l’inquinamento di prove e la sparizione di documenti importanti.

L’ingegnere oplontino, in carcere a Poggioreale dallo scorso 28 dicembre, ha detto la sua verità sulla mazzetta da 10mila euro, adducendo motivi familiari e assumendosi tutta la responsabilità sull’appalto riguardante i lavori alla scuola elementare Siani per la quale era coinvolta la ditta “Supino Group”.

Ma non finisce qui. Perché prosegue il lavoro da parte degli inquirenti, che stanno puntando i riflettori sull’intero “sistema Ariano”. Nella giornata di ieri la guardia di finanza ha infatti sequestrato le documentazioni sull’atto riguardante il parcheggio interrato in via Zampa. Un’altra questione che era stata dibattuta sia in Consiglio Comunale, che nella Commissione Trasparenza.