Nella città del Tasso esistono stelle che brillano di luce propria, ed il settore giovanile rossonero conferma la propria fama di importante serbatoio di talenti. Dopo l’esordio bagnato da un gol all’esordio in Coppa Italia contro il Santa Maria la Carità, il duro lavoro quotidiano premia il sorrentino classe 2000 Luigi Esposito, che domenica contro la Rus Vico ha collezionato il primo gettone in campionato. Al nono minuto del secondo tempo, il tabellone luminoso a metà campo indica il numero 13, e Luigi Esposito sostituisce Esposito Lauri coronando il sogno di esordire in Eccellenza con la maglia della squadra della sua città.

“Ho sognato a lungo questo momento – ha confidato Esposito -. In settimana lavoro sempre tanto, impegnandomi al massimo per raggiungere l’obiettivo dell’esordio in campionato con la prima squadra. Domenica ci sono riuscito, ringrazio il mister per avermi dato questa possibilità e tutti i compagni che mi sono stati vicini. È inutile nascondere che nei primi minuti ero molto teso, ed avevo il cuore che mi batteva a mille per l’emozione. Poi con il passare del tempo, ho giocato con sempre maggiore tranquillità facendo cose semplici per poi propormi mettendo qualche  cross interessante per i miei compagni. Seguivo il Sorrento già della Lega Pro, ed ho sempre inseguito il sogno di poter difendere i colori della squadra della mia città. Aver raggiunto questo traguardo è motivo di grande orgoglio, ma non deve essere assolutamente un punto di arrivo, bensì costituire un trampolino di lancio verso il futuro. Nelle prossime settimane continuerò a dare il massimo in ogni allenamento, cercando di convincere il mister a puntare nuovamente su di me per il rush finale della stagione. Voglio ringraziare tutte le persone che credono in me, e dedicare questo splendido momento a mio padre, sempre vicino a me lungo tutto il percorso calcistico: dal ritiro estivo fino al momento clou di questa stagione”.   

Nel frattempo, nella categoria Juniores, termina con una vittoria il campionato del Sorrento di Antonio Raiola, che nel proprio stadio non fa sconti come dimostrano i 28 punti su 33 conquistati allo Stadio Italia. I rossoneri chiudono la stagione al 4° posto a soli 4 punti di distanza dai play-off.

Al 6’ Esposito prova a testare subito i riflessi di Pastore con un destro a giro dal limite che esce di un soffio oltre la traversa. Poco dopo progressione centrale di Gargiulo, palla sulla sinistra per Esposito, conclusione dai 20 metri che l’estremo difensore ospite allontana chiedendo aiuto alla traversa. Quindi Pastore è chiamato a un intervento in due tempi per chiudere lo specchio a Verdoliva. Al 17’ Gargiulo trova i guantoni di Pastore, mentre sul capovolgimento di fronte perfetta diagonale difensiva di Esposito a bloccare ogni velleità di Ravano. Un giro di lancette più tardi Angellotto esce per andare incontro a Pierri: sul tentativo di dribbling dell’attaccante ospite il direttore di gara vede un contatto e decreta la massima punizione. Dal dischetto si presenta Comarco, con Angellotto che intuisce e respinge il pallone allungandosi alla propria destra. Al 26’ i rossoneri passano a condurre la gara. Splendida apertura di Madonna per Romano, che controlla, si porta avanti il pallone e scarica un destro secco che termina la propria corsa in fondo al sacco. La gioia dura poco, perché dopo appena 2 minuti l’Alfaterna Pagani riporta nuovamente il match di equilibrio. Comarco riceve la sfera sul filo del fuorigioco e calcia con violenza verso la porta: Angellotto può solo sfiorare senza poter far nulla per evitare il pareggio. Alla mezz’ora il Sorrento resta in 10. Esposito va via secco a Ruocco, che gli entra da dietro a palla ormai scaricata: il difensore costiero, visibilmente contrariato, accenna uno sgambetto senza peraltro neanche agganciare il rivale. La giacchetta nera è fin troppo fiscale, e decide di estrarre probabilmente in maniera troppa affrettata il cartellino rosso. La squadra del mister Raiola non ha alcuna intenzione di abbassare il baricentro, e prova a reagire con un pericoloso colpo di testa di Romano su corner di Gargiulo che costringe Pastore a una parata molto complicata. Al 43’ Gargiulo converge dalla sinistra verso il centro, tiro potente che l’estremo  difensore salernitano allontana oltre il fondo. Nel finale l’Alfaterna prova a colpire in ripartenza: Angellotto è miracoloso su Grillo, mentre De Gregorio sbilancia Comarco al momento della conclusione impedendogli di trovare la giusta coordinazione per impensierire il pipelet rossonero.

Il Sorrento esce dagli spogliatoi deciso a conquistare l’intera posta in palio. De Gregorio sfiora il palo alla destra di Pastore, mentre Romano va vicinissimo al gol alzando troppo la mira da buona posizione. Al 50’ Romano per la sovrapposizione di Di Capua, cross teso dalla destra che Pastore agguanta in uscita alta. L’Alfaterna Pagani prova a non farsi schiacciare, Comarco scappa via sul filo del fuorigioco e prova il pallonetto su De Caro: il portiere ha però senso della posizione, fa un passo indietro e blocca la sfera con assoluta tranquillità. Di Capua al volo su assist di Suarato: pallone di un soffio largo. Al 54’ il Sorrento è di nuovo avanti grazie ad un pregevole gesto tecnico di Gargiulo, che calcia dai 20 metri trovando una traiettoria impossibile che va ad insaccarsi nel sette alla destra di Pastore. Passano soltanto 6 minuti ed i rossoneri calano il tris: Suarato inventa per Cinque, inserimento con i tempi giusti tra le maglie della difesa e tocco delizioso di esterno ad anticipare il portiere in uscita. Il Sorrento ha fame, e cala subito il poker. Gargiulo imbecca Maiorano, che s’incunea all’interno dell’area mettendo a sedere un disorientato Gargiulo C., palla dietro per Cinque che scarica di forza sotto la traversa. Al 70’ Ravano verticalizza per Alvino, ma De Caro chiude ogni varco e fa sua la sfera. Lo stesso portiere costiero si guadagna gli applausi con una giocata di fino, personalità con dribbling da brividi su Comarco per poi consegnare la sfera a Izzo per far ripartire l’azione con il palleggio. Suarato sfiora poi la quinta rete direttamente su calcio piazzato, ma la sfera esce di un soffio oltre la traversa.   

TABELLINO
SORRENTO – ALFATERNA PAGANI 4-1
Reti
: 26’ pt Romano (S), 28’ pt Comarco (A), 9’ st Gargiulo A. (S), 15’ st Cinque (S), 17’ st Cinque (S)
SORRENTO: Angellotto (1’ st De Caro), De Gregorio, Esposito, Gargiulo A., Attardi, Reich (12’ st Izzo), Romano, Di Capua, Verdoliva (1’ st Cinque), Madonna (1’ st Suarato), Caracciolo (12’ st Maiorano). A disp: Guida. All: Raiola
ALFATERNA PAGANI: Pastore, Gargiulo G. (18’ st Egidio), Palumbo, Gargiulo C., Battipaglia, Grillo, Vitale, Ruocco (18’ st Alvino), Pierri (11’ st Prikazchikov), Comarco, Ravano. All: Gargiulo
Arbitro: Mauro Pignalosa di Ercolano
Note: Al 18’ pt Angellotto (S) para un calcio di rigore a Comarco (A).  Espulso: Esposito (S) al 30’ pt per fallo di reazione.  Ammoniti: Romano (S), Madonna (S), Suarato (S), Gargiulo G. (A), Gargiulo C: (A), Grillo (A), Prikazchikov (A). Corner: 10-1. Recupero: 0’ pt, 0’ st.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"