Boscoreale. “Condannate tutti. Fiduciari, spacciatori e ‘pali’ legati al clan dei Mezzanotte”. E’ spietato oggi il Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Napoli, Anna Grillo, che chiede in aula bunker ai giudici della seconda sezione di infliggere una batosta esemplare: “137 anni di galera” complessivi ad undici persone, già condannate in primo grado e in abbreviato a 165 anni di carcere per lo spaccio di stupefacenti d’ogni tipo nell’isolato 28 del Piano Napoli di Boscoreale. La “Scampia del Vesuviano”.

La droga, come svelato alla DDA partenopea da Giovanni Donnarumma, ex pusher divenuto collaboratore di giustizia, veniva smerciata anche servendosi di “bambini-vedette” dagli otto ai dieci anni. “Durante i blitz dei carabinieri – così il “pentito” in aula nello stralcio più pesante del processo – il capozona (Aniello Casillo, ndr) si nascondeva, ma prima mandava i bambini a prendere informazioni. Voleva sapere se avevano arrestato qualcuno che custodiva droga per lui, se lo portavano via in manette, se avevano trovato qualcosa”.

Secondo l’accusa Eva Costa (condannata in primo grado a 18 anni, difesa dall’avvocato Salvatore Irlando) e Salvatore Andreassi erano i “fiduciari” della famiglia Aquino, il clan dei “mezzanotte”, che faceva affari d’oro con la cosca dei Gionta di Torre Annunziata. Per entrambi, il procuratore in appello ha chiesto 15 anni di reclusione.

La richiesta più dura, invece, è ai danni di Rosario Pacifico (difeso dall’avvocato Anna Fusco). Per lui, condannato il 18 luglio 2014 a 19 anni di carcere, la Corte d’Appello dovrà valutarne uno “sconto” di tre al massimo. Stralciata invece la posizione di Saverio Barone, il medico del Sert di Nola che beccò in primo grado 5 anni con parziale interdizione dai pubblici uffici. Di seguito, tutte le richieste di condanna. La sentenza è attesa il 9 ottobre.

Eva Costa – 15 anni

Alfonso Bevilacqua – 16 anni

Rosario Pacifico – 16 anni

Gennaro Colantuono – 15 anni

Salvatore Andreassi - 15 anni

Vincenzo Romano - 14 anni

Carmine Esposito - 14 anni

Carmine Zavota – 8 anni

Giovanni Cirillo –  8 anni

Sabato Ambrosio – 10 anni

Francesco Albano – 6 anni