Corsa al risparmio sulla spesa per le scuole, cambia la geografia degli istituti scolastici di Torre Annunziata e di tutto il comprensorio vesuviano.

E’ il risultato degli accorpamenti scaturiti dall’organizzazione della rete 2024/2025 degli istituti scolastici per contenere i costi relativi all’Istruzione. Una guerra infinita tra Regione Campania e ministero dell’Istruzione sul dimensionamento scolastico. Tema dello scontro il decreto, adottato dai ministeri dell’Istruzione e dell’Economia, che ha ridotto il numero delle autonomie scolastiche da 965 a 839. Il governatore De Luca si è battuto per mesi contro la scelta del governo di ridimensionare le istituzioni scolastiche. Una scelta scellerata, quella di tagliare scuole, risorse e personale scolastico”, anche in virtù delle preoccupazioni espresse dal governatore sul fatto che fosse ancora più necessaria un’attività educativa e di cura dei ragazzi, soprattutto nei quartieri più a rischio. Ora, il Ministero ha dato via libera agli accorpamenti dopo il ricorso vinto contro la Regione.

A Torre Annunziata l’Istituto Leopardi accorpa il Parini Rovigliano, il Graziani accorpa il Cesaro Vesevus, il Quarto Circolo “Cesaro” accorperà l’I.C. “Alfieri” e infine il Secondo Circolo Siani accorpa la “Pascoli”. Movimenti anche a Pompei dove l'Istituto Comprensivo “Amedeo Maiuri” accorpa l'I.C. “Della Corte”.

A seguito di questi accorpamenti, resta in bilico la posizione di diversi Dirigenti Scolastici e del personale amministrativo delle scuole citate nel provvedimento.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"