“Anziché città della cultura, Torre Annunziata sta diventando la città della monnezza”. Lo ha detto la consigliera comunale Maria Teresa De Martino rispondendo alla questione legata alla creazione di un sito di stoccaggio di rifiuti a Rovigliano.

Un coro di “no” alla richiesta avanzata dalla So.Ge.Ri Srl alla Regione Campania, che verrà discussa nella conferenza dei servizi in programma il prossimo 16 gennaio 2019. “Su quella carta – ha continuato la De Martino - si fa riferimento a rifiuti pericolosi e io non li voglio a Torre Annunziata. O si cambia immediatamente rotta o si sciolga immediatamente l’amministrazione”.

Nessuno spiraglio per qualsiasi discussione sul progetto sottoposto alla Regione, così come aveva dichiarato il sindaco Ascione nella giornata di lunedì 10 dicembre. “Faccio una semplice distinzione tra bene e male – ha spiegato Maria Teresa De Martino – e se c’è qualcosa che può arrecare danno alla salute dei cittadini, non c’è bisogno di valutare e verificare altro. Bisogna essere categorici in queste cose, le demagogie non servono”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Maria Longobardi che a Rovigliano vive e conosce il territorio: “Le questioni ambientali sono sempre molto serie. Come consigliera ma soprattutto come cittadina di Rovigliano, pongo il veto più categorico a qualsiasi attività che può essere anche potenzialmente dannosa per i cittadini”.

“Sono assolutamente contrario – ha dichiarato il consigliere Giuseppe Raiola - anche se non sono a conoscenza del progetto. E’ vero che siamo stati convocati ma la mia idea è quella di non intavolare alcuna trattativa per il sito di stoccaggio rifiuti”.

Entro il 22 dicembre la So.Ge.Ri. srl invierà la documentazione al comune di Torre Annunziata e probabilmente solo allora potrà essere svelato qualche dettaglio in più sul progetto dell’azienda: “E’ un fatto gestionale – ha precisato il presidente del consiglio comunale Rocco Manzo – e in quanto tale verrà discusso in conferenza di servizi. A livello politico, però, penso e spero sia unanime la linea di rifiuto per l’avanzamento della proposta”.

"Una richiesta partita da lontano - ha spiegato il consigliere Davide Alfieri - e che ora finalmente esce allo scoperto. Aldilà delle discussioni che si possono fare, resta il rammarico del sindaco di non aver dato una chiusura netta alla questione e quindi mi chiedo quand'è che il sindaco inizierà ad adempiere alle sue promesse elettorali". 

Prima della scadenza del 22 dicembre, è probabile che già dal consiglio comunale in programma mercoledì 12 dicembre la questione venga inserita nella discussione: “Sono assolutamente contrario a questo tipo di destinazione dell’area – ha chiarito il consigliere Ermando Piccirillo – e spero che la questione venga discussa in consiglio comunale. Si tratta di un tema molto delicato ed è necessario che i cittadini vengano informati sugli sviluppi della richiesta avanzata alla Regione Campania. Il confronto politico in questi casi è indispensabile”.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"

vai alle foto

stoccaggio rifiuti: la richiesta per il nuovo sito di via sant'antonio

il consiglio comunale

l'attacco di telese: "Il coro di 'no' non basta. La discussione in consiglio"

la reazione del comitato salera

il sito di stoccaggio rifiuti