A volte ho la sensazione che i soldi pubblici siano, di fatto, soldi di nessuno. Come si vede dalla mia richiesta del 11.11.2014 con protocollo numero 49722 avevo posto la problematica relativamente all’accensione di mutuo sull’ importo di 406.000,00.

Richiesta alla quale non ho ottenuto risposta. Identico silenzio anche per la richiesta per la decadenza degli espropri: ma le sorprese non finiscono mai. Purtroppo in negativo. 

Ed ancora una volta devo constatare che i soldi pubblici sono soldi di nessuno, perché nella tabella allegata a firma dell’ ingegnere responsabile al n. 01) c’è l’ importo originario di euro 406.000 ( soldi per i quali stiamo pagando gli interessi per il mutuo accesso illo tempore) e al n. 11) la richiesta di ulteriore accensione di mutuo ( ma possiamo ottenerlo considerato che l’ ente è in dissesto?) per 200.000,00  euro.

 

Oltre al danno la beffa, perché ai soldi pagati per il mutuo giacente, il notevolissimo ritardo (il progetto è del 23.12.2005) dobbiamo ancora attingere altri soldi? 

Ma io mi chiedo: “in tutto questo c’è un responsabile o sono sempre i cittadini a pagare e non ottenere tra l’ altro neanche l’opera che per la zona è indispensabile? Una vicenda che mi preoccupa anche per il nulla osta paesaggistico rilasciato dalla competente Soprintendenza di Napoli, che visto i tempi biblici potrebbe scadere dal momento che la richiesta è del 2011.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"