Sversavano illegalmente i loro scarti nel fiume Sarno. Due imprese, una di Pompei e l'altra di Castellammare di Stabia, sono state sequestrate dalla Polizia Metropolitana nell'ambito delle indagini sull'inquinamento del fiume Sarno disposte dalla Procura di Torre Annunziata.

Individuata a Pompei un'azienda di ricambi auto e veicoli, che era priva di autorizzazioni e sversava reflui in un alveo afferente al fiume Sarno. L'attività era esercitata su un'area a destinazione agricola con capannoni e piazzale adibiti alle lavorazioni.

Il secondo sequestro ha riguardato una lavanderia industriale, di circa 600 metri quadrati coperti, a Castellammare, a ridosso del Sarno. Anche per questa impresa è stata riscontrata l'assenza di autorizzazioni alle emissioni in atmosfera e allo scarico in pubblica fognatura, senza alcuna depurazione. I liquidi inquinanti finivano direttamente nel fiume Sarno.

I titolari delle due imprese saranno denunciati anche per stoccaggio non autorizzato di rifiuti.