Duro attacco sferrato da Sel all'Assessore al bilancio Carlo Iavarone. Secondo gli esponenti del partito l'esosa tassa sulla spazzatura è arrivata con un mese di ritardo nelle case dei cittadini rispetto al giorno prefissato. Ecco perché chiedono un suo maggiore impegno al fine di evitare le cartelle esattoriali della Soget.

In questi giorni stanno arrivando ai cittadini Torresi le missive spedite dal Comune di Torre Annunziata con i bollettini relativi al pagamento della TARI, la tassa destinata alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti.

Oltre al salasso economico che, per i nuclei familiari, non tiene  conto dei redditi ma solo del numero dei componenti e delle superfici abitative, il cittadini si sono accorti che l’importo della prima rata e del versamento in un'unica soluzione doveva essere effettuato un mese prima che l’avviso fosse recapitato, precisamente il 16 ottobre.

I contribuenti immediatamente si sono preoccupati che questo disservizio potesse causare 

il pagamento di interessi o sanzioni ma l’Assessore al Bilancio ha rassicurato che non ci sarà nessun aggravio per il contribuente.

Prendiamo atto che per l’Assessore una dichiarazione a mezzo stampa ha lo stesso valore di una delibera o di un atto del consiglio comunale ma fino a quando non cambieranno le leggi in materia, Sinistra Ecologia Libertà pretende che le nuove scadenze siano stabilite nelle sedi preposte con i dovuti atti ufficiali, che le nuove scadenze vengano comunicate via posta a tutti i cittadini e che vengano trasmesse le dovute prescrizioni alla Soget, società che si occupa per il Comune del recupero dei crediti, per evitare che agisca automaticamente e autonomamente inviando cartelle esattoriali illeggitime perché causate da un disservizio degli uffici comunali preposti.


Puoi ricevere le notizie de loStrillone.tv direttamente su Whats App. Memorizza il numero 334.919.32.78 e inviaci il messaggio "OK Notizie"