Portici - Si spostava in bicicletta il figlio del ‘Califfo’, un boss che aveva intuito quanto fosse conveniente destare il meno possibile l'attenzione. È così, a detta delle forze dell'ordine che l'hanno arrestato, tra maggio e luglio a bordo della bici avrebbe più volte raggiunto quattro cantieri edili del territorio – tanti sono gli episodi documentati durante le indagini – per chiedere soldi.

Il rampollo di Luigi Vollaro non si annunciava nemmeno ostentando quella parentela diretta, al contrario, esigeva il pizzo come un comune esattore: “fate un regalo agli amici di Portici e vi mettete a posto”. Soltanto con le vittime più titubanti il 52enne avrebbe fatto leva sulla sua identità e sul peso che quel cognome poteva avere in quel frangente.  Insomma, accantonati certi modi di fare appariscenti, Vollaro junior aveva rimesso in piedi – secondo l'accusa – gli affari di famiglia partendo proprio dal settore estorsivo.

Un tentativo stroncato sul nascere, dato che con un'indagine lampo i carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata e la polizia porticese l'hanno bloccato sottoponendolo a un fermo di indiziato di delitto eseguito stanotte è disposto dalla Dda. Pietro Vollaro era già in regime di libertà vigilata con obbligo di firma. Il 52enne risponde in questa circostanza di tentata estorsione con l'aggravante delle finalità mafiose. 

vai alle foto

La convalida del fermo

Le parole del sindaco

Arrestato reggente dei Vollaro